confettura di melograno

Confettura di melograno

La confettura di melagrano è una conserva dal sapore davvero particolare che, oltre ad essere apprezzata sul pane, potrà accompagnare un piatto di formaggi misti. Di questo frutto novembrino dalle mille proprietà, nella preparazione della confettura si utilizzerà il succo che verrà estratto con un comune spremiagrumi senza doverlo sgranare. Al succo vi aggiungeremo lo zucchero, il succo di limone e pezzetti di mela al fine di far addensare in modo naturale.

Ingredienti per due vasetti (sterilizzati): 1 litro di succo pari a circa 2,5 kg di melograni, 2 mele, 1 limone, 500 gr di zucchero.

Procedimento: tagliamo i melograni a metà e ricaviamone il succo con lo spremiagrumi. Filtriamo il succo facendo attenzione di togliere le parti bianche e i semini e versiamolo in una pentola dal fondo spesso. Laviamo e tagliamo le due mele a dadini e aggiungiamole al succo nella pentola con lo zucchero il succo a la buccia di limone e mescoliamo tutto. Cuociamo a fiamma media mescolando con un cucchiaio di legno di tanto in tanto per circa 1 ora eliminando la schiuma con un colino. Passata un’ora togliamo la pentola dal fuoco e con un frullatore ad immersione (facendo attenzione agli schizzi incandescenti) frulliamo tutto. Rimettiamo la pentola sul fuoco e concludiamo la cottura lasciando cuocere per altri 40 minuti circa.
Versiamo la confettura ancora calda nei vasetti precedentemente sterilizzati chiudiamo ermeticamente e capovolgiamoli tappo in giù. Una volta freddi è consigliabile sistemare i vasetti con la confettura in una pentola contrastandoli con canovacci, coprirli di acqua da portare a bollore. Calcoliamo circa 20/30 minuti dal bollore e poi spegniamo e facciamo raffreddare i vasetti lasciandoli nell’acqua. Una volta freddi possiamo sistemarli in dispensa.  La marmellata di melograno si conserva per più di 6 mesi.
Marmellata di zucca e zenzero La sPorta

La marmellata di zucca e zenzero

Cosa c’è di meglio che fare colazione con pane e marmellata?

Ecco una ricetta che non può mancare tra le nostre tante proposte. Soprattutto per quel retrogusto piccante che a noi piace davvero molto….

Per 3 vasetti da 150 gr circa:

Ingredienti: 500 gr di zucca cotta, 10 gr di zenzero in polvere, 1 limone bio, 370 gr di zucchero, 100 gr di acqua.

Preparazione: la zucca dovrà essere pesata cotta, dunque per avere 500 gr di zucca dovremo partire da circa 1,6 chilo di zucca con buccia. Possiamo anche usare lo zenzero fresco cercando di fare attenzione a non esagerare per non rendere la marmellata troppo piccante.  Procuriamoci inoltre dei barattoli con coperchio che dovranno essere sterilizzati. Sterilizzare i barattoli è un’operazione non troppo complicata ma un po’ lunga e dunque ci conviene cominciare due ore prima di cucinare al fine di trovare tutto già pronto al momento del travaso.

Preriscaldiamo il forno a 200 gradi, tagliamo la zucca a fette pulendola da semi e filamenti e posizioniamola in una leccarda da forno e inforniamo per 30 minuti. Dopo i minuti di rito togliamo dal forno e dividiamo la polpa dalla buccia, dovremmo ricavare 500 gr. per poi tagliarla a cubetti della stessa dimensione e poniamo il tutto in una casseruola. Aggiungiamo lo zenzero, buccia grattugiata e succo di limone.

In un pentolino sciogliamo lo zucchero con l’acqua mescolando per qualche minuto fino ad avere uno sciroppo che uniremo alla zucca già sul fuoco. Portiamo a bollore a fuoco lento per circa un’ora, teniamo d’occhio la marmellata, mescoliamola di tanto in tanto al fine di evitare che si attacchi sul fondo.

Dopo 45 minuti dal primo bollore togliamo la casseruola per pochi minuti dal fuoco, passiamo la marmellata con un frullatore ad immersione facendo attenzione agli schizzi (incandescenti) e riprendiamo la cottura per altri 15 minuti, fino alla sua completa cottura. La marmellata dovrà essere densa ma non troppo dura mentre cuoce – si raddenserà durante la fase di raffreddamento, ma in caso fosse ancora troppo liquida avrà bisogno di qualche altro minuto di cottura.

Prepariamoci al travaso nei barattoli aiutandoci con un mestolino. Riempiamoli fino a mezzo centimetro dal bordo e chiudiamoli ermeticamente. Capovolgiamoli (tappo in giù) e lasciamoli raffreddare coperti da un panno. Una volta raffreddati conserviamoli al buio. La confettura sarà perfetta da consumare dopo quindici giorni di riposo.

Ottima con il pane a colazione e a merenda sia per grandi che per piccini….

 

 

Marmellata di cipolle lasporta

Marmellata di cipolle

La marmellata di cipolle è una ricetta alternativa per sperimentare sapori nuovi. Può essere servita su crostini caldi come aperitivo o per accompagnare la carne come salsa, con scampi scottati, gorgonzola o caprino.

Ingredienti: 1 kg di cipolle rosse, 500 gr di zucchero, 4 foglie di alloro secche, 1 cucchiaio raso di sale, 200 ml di aceto

Preparazione: eliminiamo la buccia delle cipolle e tagliamole a fette molto sottili che divideremo a metà, mettiamole a macerare in un contenitore a chiusura ermetica insieme all’aceto, il sale e le foglie di alloro per 4 ore circa. Dopo aver lasciato riposare le cipolle apriamo il contenitore e aggiungiamoci lo zucchero, mescoliamo e richiudiamo per fare macerare altre 5 ore. Passate anche queste 5 ore, eliminiamo le foglie di alloro e versiamo il tutto in una pentola capiente e, a fuoco lento, lasciamo cuocere per circa 45 minuti. Quando risulterà consistente, versiamola in barattoli di vetro a chiusura ermetica precedentemente sterilizzati e lasciamoli raffreddare tenendoli rovesciati. Lasciamo riposare la marmellata  tenendola in un luogo fresco e asciutto, una volta aperto il barattolo conserviamolo in frigorifero ma consumiamolo comunque in quattro, cinque giorni.

Consigli: per dare più gusto alle cipolle possiamo aggiungere, quasi al termine della cottura del brandy, possiamo inoltre usare zucchero di canna al posto dello zucchero bianco. Per le conserve e le marmellate è davvero consigliabile sterilizzare sempre i barattoli prima di usarli.